Xigduo: cos’è? A cosa serve? Funzioni, controindicazioni, posologia, prezzo

Indice dei contenuti

Lo Xigduo è un farmaco per il diabete a base di dapagliflozin e metformina che viene utilizzato per migliorare il controllo della glicemia nel trattamento del diabete di tipo 2. Il diabete di tipo 2 è una malattia caratterizzata da una condizione di insulino-resistenza che comporta il mantenimento di livelli eccessivi di glucosio nel sangue, con conseguente stato iperglicemico.

L’insulina è un ormone prodotto dalle cellule endocrine del pancreas che ha la funzione di abbassare i livelli di glucosio nel sangue (ovvero la glicemia) dopo i pasti. Nel diabete di tipo 2 l’azione dell’insulina sulle cellule dei tessuti risulta alterata ed è quindi necessario ricorrere ad un supporto farmacologico con lo scopo di abbassare la glicemia.

Cos’è lo Xigduo?

Lo Xigduo è un farmaco che contiene due principi attivi: il dapagliflozin e la metformina cloridrato. Il meccanismo d’azione di queste due sostanze è diverso l’uno dall’altro, ma in combinazione esercitano un effetto maggiorato sul controllo della glicemia.

Il dapagliflozin è un principio attivo appartenente alla famiglia degli inibitori del trasportatore renale del sodio-glucosio-2 (SGLT2), una proteina attraverso cui viene riassorbito il glucosio dall’urina formatasi nel tubulo renale, che finisce poi nel sangue. 

Il dapagliflozin blocca questo trasportatore, riducendo il riassorbimento del glucosio e di conseguenza la quantità dello stesso nel sangue; d’altro canto, la quantità di glucosio nelle urine risulta maggiore. L’effetto netto è una diminuzione della quantità di zucchero nel sangue, quindi della glicemia.

La metformina è un principio attivo che agisce favorendo l’ingresso del glucosio ematico nelle cellule dei tessuti. 

Lo Xigduo appartiene alla categoria dei farmaci ipoglicemizzanti orali.

A cosa serve lo Xigduo?

Lo Xigduo viene impiegato nel trattamento farmacologico del diabete di tipo 2 in aggiunta alla dieta e all’esercizio fisico giornalieri se la sola metformina non è sufficiente per un corretto controllo glicemico, o se si vuole evitare di assumere i due farmaci separatamente. 

Se il medico lo ritiene necessario, lo Xigduo può essere prescritto insieme altri farmaci come l’insulina.

Non controllare la quantità di zuccheri nel sangue significa essere esposti ad un numero più elevato di complicanze che possono verificarsi nel corso della malattia.

Il farmaco è costituito da compresse rivestite da film da prendere per bocca.

Xigduo: controindicazioni, effetti collaterali e interazioni

Controindicazioni

Le controindicazioni dello Xigduo insorgono in una serie di situazioni che possono derivare da predisposizioni genetiche o da malattie concomitanti:

  • In situazioni di allergia o ipersensibilità al principio attivo dapagliflozin o al principio attivo metformina cloridrato o ad uno dei componenti del farmaco;
  • In caso di precedente coma diabetico;
  • In situazioni di grave compromissione della funzione epatica o renale;
  • In caso di diabete non controllato con sintomi da iperglicemia, come nausea e vomito, disidratazione, calo ponderale o chetoacidosi diabetica;
  • In caso di stato di disidratazione per diarree severe prolungate o episodi di vomito ricorrente;
  • In caso di insufficienza cardiaca scompensata, attacco cardiaco recente, problematiche circolatorie;
  • In caso di alcolismo o di ingestione di quantità di alcol anche saltuariamente. 

Effetti collaterali

Lo Xigduo può causare degli effetti collaterali e ciò dipende dalla risposta che ogni persona ha nei confronti del farmaco e dal dosaggio. Gli effetti collaterali più comuni si verificano con più frequenza nei primi giorni di assunzione del farmaco. Se gli effetti collaterali continuano o peggiorano, contattare il medico curante per un riaggiustamento della terapia.

Come riportato sul foglietto illustrativo, gli effetti collaterali comprendono:

  • Disturbi digestivi;
  • Dolore addominale;
  • Perdita dell’appetito;
  • Ipoglicemia
  • Acidosi lattica (raro);
  • Reazioni allergiche (in soggetti predisposti).

In caso di effetti collaterali è necessario avvisare subito il proprio medico curante.

In caso di sovradosaggio lo Xigduo può determinare acidosi lattica, una situazione metabolica caratterizzata da un eccesso di acido lattico che abbassa il pH del sangue e compromette la funzionalità di molte proteine ed enzimi, con conseguenze pericolose per lo stato di salute.

Interazioni

Non sono stati effettuati studi d’interazione con Xigduo, perciò le informazioni disponibili sono state ottenute a partire dalle singole sostanze attive. 

Se si assumono altri farmaci è necessario valutare se lo Xigduo sia compatibile con la terapia che si sta seguendo. 

Le possibili interazioni riguardano:

  • Diuretici
  • Insulina e medicinali secretagoghi dell’insulina

Mentre si assume Xigduo è mandatoria l’astensione dall’alcol, dato che può aumentare il rischio di acidosi lattica; questo rischio è maggiore in presenza di malattie del fegato o in caso di scarsa nutrizione.

Posologia Xigduo

Xigduo è disponibile in 2 confezioni:

    • Xigduo 5mg/850mg in compresse rivestite con film;
    • Xigduo 5mg/1000mg in compresse rivestite con film;

Prima di prendere Xigduo è necessario chiedere al medico curante o dall’endocrinologo come e quando prenderlo. Il medico stabilirà il dosaggio compatibile con la situazione clinica del soggetto, in base alla funzione renale e alle condizioni di salute.

La dose raccomandata equivale ad una compressa da assumere due volte al giorno durante i pasti. 

Le compresse possono essere deglutite con un sorso d’acqua ed è necessario assumere il farmaco senza rompere o frantumare le pastiglie.

Se assunto insieme all’insulina, il medico curante può decidere di ridurre la dose di insulina la fine di prevenire abbassamenti eccessivi della glicemia.

Il medico adatterà il dosaggio e lo schema di somministrazione in base al valore della glicemia, altri farmaci assunti, l’insorgenza di effetti collaterali o di complicanze del diabete di tipo 2. Potrebbe essere necessario un controllo più accurato sulla funzione renale.

Xigduo non può sostituirsi ad uno stile di vita sano e ai benefici che da questo ne derivano.

Xigduo e Gravidanza

Non sono disponibili dati relativi all’utilizzo di Xigduo o dapagliflozin in donne in stato di gravidanza, ma studi su topi di laboratorio hanno mostrato un’alterazione dello sviluppo dei reni durante un periodo corrispondente al secondo ed al terzo trimestre di gravidanza umani.

Per tal motivo, l’assunzione di Xigduo non è raccomandata durante il secondo e terzo trimestre di gravidanza.

Nel caso della metformina non sono state rilevate anomalie nello sviluppo embrionale, anche se è preferibile controllare il diabete in gravidanza mediante altri farmaci come l’insulina.

Xigduo e Allattamento

Non è raccomandato l’uso di Xigduo durante l’allattamento, in quanto il rischio per i neonati non può essere escluso.

Avvertenze Xigduo

In caso di sovradosaggio di Xigduo è possibile si verifichi una condizione di acidosi lattica, una situazione metabolica in cui vi è un eccesso di acido lattico nel sangue, che abbassa il pH del sangue e compromette la funzionalità di numerosissime proteine ed enzimi, con conseguenze anche letali e sintomi molto evidenti come vomito, crampi muscolari, malessere generale, difficoltà a respirare, riduzione del battito cardiaco.

L’assunzione di Xigduo con altri farmaci che abbassano la glicemia, come nel caso dell’insulina, potrebbe portare ad una condizione di ipoglicemia con debolezza, capogiri, sudorazione, tachicardia, difficoltà di concentrazione. In caso di ipoglicemia assumere degli alimenti contenenti zucchero.

Bugiardino Xigduo

[pdf-embedder url=”https://salut3.com/wp-content/uploads/2021/03/Foglietto-Illustrativo-Xigduo.pdf” title=”Foglietto Illustrativo Xigduo”]

Prezzo Xigduo

I prezzi possono variare in base a dove si comprano. 
  • Xigduo 5mg/850mg  56 compresse rivestite con film in blister: prezzo di listino 56,10 euro
  • Xigduo 5mg/1000mg  56 compresse rivestite con film in blister: prezzo di listino 56,10 euro
Articolo a cura di:
Riccardo Armellin

Riccardo Armellin

Studente di  medicina all'ultimo anno di studi presso l'Università degli studi di Udine, appassionato di cardiologia e divulgazione medico/scientifica con certificazione in "Medical Writing". Si occupa della stesura e delle revisione scientifica dei contenuti presenti su Salut3.com.

Articoli correlati