Globuli Rossi (eritrociti) alti, bassi cosa significa? Cause, valori normali,

Indice dei contenuti

I globuli rossi, detti anche eritrociti o emazie, sono le cellule più piccole e più numerose del sangue. Il loro compito è quello di trasportare l’ossigeno dai polmoni ai tessuti e l’anidride carbonica dai tessuti ai polmoni, dai quali viene espulsa con l’espirazione. 

Sono cellule prive di nucleo e con una struttura molto elastica che gli permette di deformarsi facilmente e di passare anche attraverso i capillari più sottili per poi ritornare alla forma iniziale. La struttura dei globuli rossi può presentare delle alterazioni sia genetiche che acquisite, alcune delle quali possono persino causare la morte dei globuli rossi e la conseguente comparsa di anemia ematica. 

Globuli rossi: cosa sono?

I globuli rossi sono cellule del sangue prive di nucleo e prodotte dal midollo osseo che si trova nelle cavità delle ossa e che contiene le cellule staminali dalle quali i globuli rossi si originano. I globuli rossi sono detti anche eritrociti, nome che deriva da eritros che in greco significa rosso. Sono presenti nel sangue di un adulto in quantità pari a 4-6 milioni/mm3 e rappresentano il 25% delle cellule del corpo umano. A differenza di tutte le altre cellule non hanno la capacità di replicarsi, non producono proteine e non generano energia.

Vivono in media 120 giorni e dopodiché vengono distrutti e metabolizzati dalla milza. Il processo di generazione dei globuli rossi detto eritropoiesi ha inizio nel midollo osseo a partire dai pro-eritroblasti stimolati dall’eritropoietina che è un ormone prodotto dal rene. 

Dai pro-eritroblasti si formano i reticolociti che sono i globuli rossi appena nati e che costituiscono l’1-2% delle emazie circolanti. Ne vengono prodotti circa 2 milioni al secondo perché non avendo la capacità di replicarsi è necessario un continuo ricambio. Contengono l’emoglobina che è in gran parte costituita dal ferro che attribuisce agli eritrociti il caratteristico colore rosso. 

La funzione dei globuli rossi è quella di trasportare l’ossigeno in tutti i distretti del corpo e di favorire gli scambi gassosi tra ossigeno ed anidride carbonica. Queste cellule traportano l’O2 ai tessuti e recuperano la CO2 che deve essere eliminata. Tutto ciò è reso possibile dalla loro forma biconcava e dall’assenza del nucleo e di tutte le altre strutture interne, tutte caratteristiche che gli consentono di passare anche attraverso i capillari più sottili. 

L’emoglobina dei globuli rossi a livello polmonare lega gli atomi di O2 e forma l’ossiemoglobina per poi rilasciarla alle varie cellule che a loro volta liberano l’anidride carbonica che va a formare la carbossiemoglobina per riportarla ai polmoni, dai quali viene espulsa durante la respirazione. 

Globuli rossi: valori normali 

I valori normali dei globuli rossi variano in rapporto al sesso ed all’età.

Nei maschi adulti sono compresi tra i 4.500.000/mm3 ed i 6.000.000/mm3, nella donna invece sono compresi tra i 4.000.000/mm3 ed i 5.500.000/mm3. Nei bambini e negli anziani i valori sono più bassi di 3/400.000 rispetto agli adulti. Il dosaggio dei globuli rossi viene fatto su un campione di sangue venoso.

Globuli rossi alti

La presenza di globuli rossi alti è un’anomalia dovuta a caratteristiche individuali o ad alterazioni transitorie senza alcun carattere patologico. La policitemia può essere primaria e secondaria. Nel primo caso è da associarsi ad un difetto nella produzione di globuli rossi, nel secondo è determinata da altre cause.

L’aumento di globuli rossi può essere relativo o assoluto. Si parla di policitemia relativa quando si creano le condizioni che determinano una riduzione del volume plasmatico per cui aumenta la concentrazione dei globuli rossi. La policitemia è invece assoluta nel caso in cui si abbia un aumento effettivo dei globuli rossi.

Cause globuli rossi alti 

L’aumento dei globuli rossi può essere causato da vari fattori. Una causa abbastanza frequente è la disidratazione che comporta un aumento transitorio dei globuli rossi dovuti ad una riduzione del plasma, con conseguente aumento della concentrazione ematica. Possono essere causa di policitemia anche le malattie cardiovascolari o polmonari croniche, i difetti congeniti del cuore oppure i tumori del fegato. 

Globuli rossi alti nei bambini

In condizioni normali i globuli rossi nei bambini hanno valori più bassi rispetto a quelli degli adulti.

Un aumento di queste cellule può essere dovuto, soprattutto nei neonati, a diabete nella madre. La maggiore concentrazione dei globuli rossi rende il sangue meno fluido con conseguente rallentamento del flusso nei piccoli vasi.

Questo comporta la comparsa di sintomi come colorito rosso scuro, letargia ed inappetenza. Di solito non sono necessari trattamenti invasivi ma può essere sufficiente la somministrazione di liquidi per ridurre la concentrazione. 

Globuli rossi bassi

Si parla di globuli rossi bassi quando la loro concentrazione ematica è inferiore ai 4.000.000/mm.

Una riduzione dei globuli rossi può essere fisiologica ma può anche essere indice di patologie a carico delle cellule. 

Cause globuli rossi bassi

Le cause dei globuli rossi bassi possono essere diverse. La riduzione di queste cellule è dovuta all’anemia, alla carenza di eritroproteina, a problemi del midollo osseo, alle carenze nutrizionali con basso apporto di ferro o anche all’uso di alcune categorie di farmaci. 

Può inoltre essere causata da eventi acuti come emorragie interne o esterne. In ogni caso il medico curante può richiedere esami più specifici per individuarne le cause scatenanti. 

Globuli rossi bassi in gravidanza 

In gravidanza la comparsa di anemia e quindi la riduzione di globuli rossi può essere fisiologica perché dipende da una richiesta maggiore di sangue per l’apporto di ossigeno dalla mamma al bambino.

Questo comporta un aumento del volume plasmatico e di conseguenza una maggiore diluizione con riduzione dei globuli rossi circolanti. Quando però i valori scendono eccessivamente allora bisogna individuarne le cause. 

Generalmente si tratta di carenza di ferro o di vitamina B12 e quindi si tratta di una situazione facilmente trattabile e correggibile con la dieta e con l’utilizzo di integratori alimentari. 

Globuli rossi bassi cosa mangiare 

Molto spesso la riduzione di globuli rossi è dovuta a carenze nutrizionali a causa di diete poco equilibrate. In questo caso è opportuno modificare le abitudini alimentari e se necessario assume degli integratori.

In caso di carenza di ferro è importante introdurre nella dieta tutti gli alimenti ricchi di questa sostanza. In natura sono tanti gli alimenti che contengono ferro ma è bene sapere che non tutto il ferro viene assorbito allo stesso modo.

Ferro altamente assorbibile è presente nella carne e in particolare nelle frattaglie e nel pesce, dove ha un tasso di assorbibilità del 40%. Meno assorbibile è invece il ferro contenuto nei cerali, nei legumi e nelle verdure a foglie verdi. 

Globuli rossi bassi negli anziani

Negli anziani la riduzione dei globuli rossi è generalmente associata alla presenza di malattie croniche o all’uso di farmaci o ancora alla carenza di vitamina B12 ed acido folico. L’anemia associata a malattie croniche in genere è asintomatica o lievemente sintomatica, evolve lentamente ed è di entità modesta.

L’anemia è una patologia frequente a partire dai 65 anni e la sua prevalenza aumenta con l’aumento dell’età. I sintomi sono aspecifici e per questo possono essere confusi con altre malattie. Solitamente il medico richiede un esame del sangue con emocromo e il dosaggio della ferritina per valutare il tipo di anemia. 

La riduzione dei globuli rossi da carenza di ferro può derivare nell’anziano o da una dieta non adeguata o da perdite ematiche del tratto gastro-enterico o del tratto urinario. Il trattamento si basa sulla correzione della causa scatenante.

Articolo a cura di:
Dott. Salvatore Ruggiero

Dott. Salvatore Ruggiero

Medico laureato presso l’Università Federico II di Napoli in Medicina e Chirurgia specializzato presso lo stesso Ateneo in Idrologia Medica e Idroclimatologia. Si occupa della stesura e delle revisione scientifica dei contenuti presenti su Salut3.com .

Articoli correlati