Sinusite mascellare: cos’è, come riconoscerla e come combatterla

Indice dei contenuti

Dolore localizzato alla zona della mascella e dei seni nasali, intasamento, difficoltà respiratorie ed emicrania sono solo alcuni dei sintomi che conducono i soggetti direttamente alla sinusite mascellare. 

Cosa sapere sulla sinusite mascellare

La sinusite mascellare è un’infiammazione delle cavità dei seni paranasali chiamate seni mascellari che hanno la funzione principale di produrre muco per umidificare e pulire le vie respiratorie. Questa patologia insorge quando le membrane che rivestono i seni si infiammano a causa di un’infezione batterica, virale o di altre cause come allergie o problemi di varia natura. I sintomi tipici della sinusite mascellare includono dolore facciale, sensazione di pressione o pienezza nella zona delle guance, congestione nasale, perdita o aumento del senso dell’olfatto, secrezione di muco dalla cavità nasale o nella gola, e mal di testa… ma andiamo a scoprirli meglio nel dettaglio. 

Sinusite mascellare: quali sono i sintomi?

  • Dolore facciale: solitamente si verifica un dolore costante e localizzato nell’area delle guance o sopra i denti superiori. 
  • Congestione nasale: la congestione nasale è comune, insieme a una sensazione di pressione o pienezza nel naso e intorno agli occhi.
  • Secrezione di muco: si può avere un’abbondante produzione di muco giallastro o verdastro, che può drenare nella parte posteriore della gola.
  • Mal di testa: il mal di testa è spesso presente, in particolare sopra gli occhi o nella regione frontale.
  • Perdita dell’olfatto: a causa dell’infiammazione e della congestione delle cavità sinusali, è possibile sperimentare una perdita temporanea dell’olfatto.
  • Febbre: se l’infezione è di origine batterica, è possibile sviluppare una febbre lieve o moderata.
  • Affaticamento e malessere generale: a volte, può causare una sensazione di affaticamento e malessere generale.

Come trattarla correttamente

È importante consultare un medico se si sospetta di avere una sinusite mascellare o qualsiasi altra forma di infezione delle vie respiratorie superiori, in modo da ricevere una diagnosi accurata e un appropriato piano di trattamento. Il trattamento può includere l’uso di decongestionanti, antistaminici, analgesici per il dolore e, se necessario, antibiotici se l’infezione è di origine batterica. In alcuni casi, potrebbe essere necessario ricorrere a procedure mediche o chirurgiche per drenare i seni infiammati e rimuovere eventuali ostruzioni.

Un farmaco comune utilizzato è il Giasion antibiotico. Se vuoi sapere il Giasion 400 a cosa serve devi sapere che si tratta di una versione più forte della confezione da 200 mg; viene solitamente impiegato per trattare problematiche come quella citata ma è ottimo anche per contrastare la faringo-tonsillite o diverse infezioni causate da microrganismi sensibili. 

La giusta posologia dipende dal singolo soggetto e viene fornita dal medico curante che analizzerà la cartella clinica e fornirà una tabella di cura personalizzata; solitamente l’utilizzo è quello di utilizzare una compressa da prendere insieme ad abbondante acqua e senza masticarle. Il farmaco è adatto per adulti e adolescenti dai 12 anni in su; chiaramente è bene seguire le indicazioni del medico soprattutto quando si assume l’antibiotico da 400 mg e non quello da 200 mg. Tra i sintomi indesiderati più comuni ci sono costipazione, nausea, singhiozzo e dolore addominale ma anche glossite.  In caso di sovradosaggio è bene recarsi immediatamente in pronto soccorso per evitare problematiche e provvedere ad una immediata lavanda gastrica; raccomandiamo ancora una volta di prestare attenzione alle indicazioni del medico curante e di evitare il fai da te. 

Articolo a cura di:

Articoli correlati