TAC Cone Beam Dentale: cos’è, indicazioni, preparazione, esecuzione, costo.

Indice dei contenuti

In questo articolo andremo ad approfondire la TAC Cone Beam, in inglese “Cone Beam Computed Tomography“.

Cos’è la TAC Cone Beam (CBTC)?

La TAC Cone Beam (CBCT), è una tecnica d’indagine radiologica recente che è così definita per la forma conica del fascio di radiazioni che l’apparecchiatura emette durante l’esame.

A differenza della TAC multistrato, che dispone di un detettore monoplanare ed un fascio estremamente sottile, la CBCT con una unica rotazione del tubo radiogeno attorno al segmento anatomico da esaminare (testa, collo), ottiene tutte le informazioni necessarie con ottimo dettaglio, il più alto che attualmente si possa raggiungere in radiologia diagnostica.

L’ottimo dettaglio anatomico ottenuto si associa ad una minore dose di radiazioni somministrate rispetto alla TAC multistrato, che necessita di numerose rotazioni intorno al corpo per ottenere lo studio completo della parte anatomica d’interesse.

La TAC Cone Beam Dentale consentendo di studiare tutte le parti anatomiche del cavo orale permette agli specialisti di valutare le diverse patologie che possono colpire le strutture dentali consentendo di fare diagnosi precoci e precise per diverse patologie.

La TAC Cone Beam Dentale offre la possibilità agli specialisti di effettuare con grande precisione le valutazioni ossee indispensabili per la pianificazione dell’impianto.

tac-cone-beam
tac-cone-beam

Quali strutture anatomiche si visualizzano con la TAC Cone Beam Dentale?

La maggioranza dei pazienti che vengono sottoposti alla TAC Cone Beam Dentale sono portatori di patologie degenerative ed eseguono l’esame prima di programmare un piano terapeutico con il proprio odontoiatra.

La TAC Cone Beam Dentale permette ai dentisti di studiare le strutture anatomiche del tratto mandibolare e dell’osso mascellare, in particolare:

  • del tratto mandibolare:
    • i denti;
    • gli alveoli ;
    • la protuberanza mentoniera;
    • il forame mentoniero;
    • il canale mandibolare;
    • l’osso mandibolare;
  • dell’osso mascellare:
    • il seno mascellare;
    • l’osso zigomatico;
    • il tubercolo articolare;
    • il palato ed il pavimento delle fosse nasali;
    • la conca nasale;
    • il processo coronoideo;
    • il pavimento orbitario.

Quali patologie si studiano con la TAC Cone Beam Dentale?

La maggior parte dei pazienti che vengono sottoposti alla TAC Cone Beam Dentale soffrono di patologie degenerative ed eseguono l’esame prima di iniziare un piano di cura con il proprio dentista.

La TAC Cone Beam Dentale offre la possibilità agli specialisti di effettuare con estrema precisione le misurazioni ossee pre-implantologiche.

Ecco un elenco esaustivo di diverse patologie che possono interessare il massiccio facciale e che sono studiate con la TAC Cone Beam Dentale:

    • Parodontite;
    • Carie;
    • Ascessi;
    • Fratture spontanee;
    • Osteite;
    • Osteomelite;
    • Osteonecrosi;
    • Cisti Odontogene;
    • Poliposi;
    • Cisti Follicolare
    • Sinusite Odontogena (Seni Mascellari)
    • Oligonzia
    • Oligonzia apparente;
    • Mesiodonto
    • Sindrome di Schenthauer;
    • Schisi Unilaterale;
    • Dentinogenesi Imperfetta;
    • Taurodonzia;
    • Displasia Dentale;
    • Formazioni Gemellari;
    • Denti Inclusi.
    • Calcificazioni e Concrezioni:
      • Placca Mineralizzata;
      • Rinolita;
      • Ghiandole Linfatiche calcifiche;
      • Granuloma.
    • Neoplasie:
      • Osteoblastoma;
      • Osteoma;
      • Esostosi;
      • Osteite di Paget;
      • Emangioma;
      • Sarcomi.

Come funziona la TAC Cone Beam Dentale ?

L’apparecchiatura per TAC Cone Beam Dentale emette radiazioni ionizzanti le quali attraversando la struttura anatomica da esaminare ne riproducono una immagine digitale tridimensionale grazie agli algoritmi di ricostruzione.

Chi esegue la TAC Cone Beam Dentale?

Esegue la TAC Cone Beam Dentale il Tecnico Sanitario di Radiologia Medica (TSRM) presso una struttura radiologica oppure il Medico Dentista presso uno studio odontoiatrico.

Chi referta la TAC Cone Beam Dentale?

Il Medico Radiologo è lo specialista che referta la Tac Cone Beam Dentale esaminando le immagini acquisite e redigendo il referto, la cosiddetta “risposta”.

Come prepararsi per la TAC Cone Beam Dentale?

Prima dell’esame il paziente deve togliere oggetti metallici portati sulla testa e/o sul collo quali: piercing, orecchini, extension, fermagli per capelli, occhiali, apparecchi per audiolesi e protesi metalliche dentarie mobili.

Poichè che si utilizzano radiazioni ionizzanti è molto importante che il paziente escluda qualsiasi rischio presunto o accertato di una possibile gravidanza e nel caso avverta il personale esecutore l’indagine.

Come viene eseguita la Cone Beam TAC?

L’esame TAC Cone Beam Dentale, viene di norma eseguito con paziente in piedi con la testa tra tubo emettente le radiazioni e piano sensibile (detettore digitale);  il capo viene bloccato a livello del mento e della fronte con i denti allineati ed occlusi, il tronco deve essere mantenuto eretto.

Il paziente deve tenere le spalle abbassate e stare immobile; l’apparecchio compirà una rotazione di 180° gradi  attorno al paziente stesso così da ottenere una immagine in tre dimensioni di arcate dentarie e strutture ossee attigue.

La TAC Cone Beam Dentale fa male?

La TAC Cone Beam Dentale non è un’indagine dolorosa.

Quanto dura la TAC Cone Beam ?

L’esecuzione di una TAC Cone Beam Dentale dura mediamente circa 15 minuti.

Costo TAC Cone Beam?

Il prezzo di una Tac Cone Beam Dentale in regime privato, in genere, si aggira intorno ai 50/70 euro per arcata dentaria, ma il prezzo può cambiare in base allo studio di riferimento ed in base alla città, quindi non si tratta assolutamente di un costo fisso.

La TAC Cone Beam Dentale è mutuabile come una TAC standard cerebrale; il prezzo del ticket sanitario può variare, oscillando dai 36,15 euro fino anche a 118 euro.

Articolo a cura di:
TSRM Sergio Tonelli

TSRM Sergio Tonelli

Tecnico Sanitario di Radiologia Medica laureato presso lUniversità degli Studi di Brescia in "Tecniche di Radiologia Medica, Radioterapia, Medicina Nucleare". Si occupa della stesura e delle revisione scientifica dei contenuti presenti su Salut3.com. Approndisci su Linkedin

Articoli correlati