TAC Cranio a cosa serve? Fa Male? Procedura, Prezzo e Controindicazioni

Indice dei contenuti

Dopo aver affrontato la Tomografia Assiale Computerizzata (detta anche TAC) a livello generico, vediamo nel dettaglio l’esame specifico riguardante il cranio, ovvero la TAC Cranio.

TAC Cranio, cos’è?

La TAC del Cranio è un esame radiologico utilizzato per ottenere immagini diagnostiche particolareggiate del Cranio e delle strutture anatomiche ad esso appartenenti.

TAC significa “Tomografia Assiale Computerizzata” e la TAC del Cranio è nota anche con altri nomi quali TAC Cerebrale, TAC Encefalo, ecc.

La TAC alla testa è un esame non invasivo che abitualmente viene richiesto per evitare l’utilizzo di procedure diagnostiche più invasive e/o dolorose.

 TAC del cranio: a cosa serve?

Le immagini della TAC del Cranio sono più particolareggiate delle classiche radiografie e sono molto utili e talvolta risolutive al fine di giungere alla diagnosi di lesioni quali ictus emorragici o ischemici, neoformazioni, infezioni, difetti congeniti o acquisiti, accumulo di liquidi e anomalie dello scheletro cranio-facciale.

Una TAC del Cranio può essere prescritta se il medico sospetta che il paziente possa aver subito una lesione o se manifesti uno dei sintomi sotto riportati:

  • perdita di conoscenza;
  • dolore alla testa;
  • alterazioni del comportamento o del pensiero;
  • riduzione o perdita dell’udito;
  • riduzione della vista;
  • debolezza muscolare o diminuzione della sensibilità e dell’agilità;
  • formicolio;
  • difficoltà del linguaggio;
  • difficoltà nella deglutizione.

La TAC del Cranio può anche essere eseguita in preparazione di altre procedure quali un intervento chirurgico o un prelievo bioptico.

Chi esegue la TAC del Cranio?

Il Tecnico Sanitario di Radiologia Medica (TSRM) è il professionista sanitario che appositamente addestrato e costantemente aggiornato esegue l’indagine TAC del Cranio.

Chi referta la TAC del Cranio?

Il Medico Radiologo è lo specialista che referta l’esame TAC del Cranio esaminando dati ed immagini acquisite dal Tecnico Sanitario di Radiologia Medica redigendo il referto, la cosiddetta “risposta”.

Come si esegue la TAC del Cranio?

La TAC Cranio viene di norma eseguita in una struttura ospedaliera o in una clinica.

  • L’apparecchio per l’esecuzione della TAC del Cranio ottiene una serie di immagini che vengono poi elaborate per creare riproduzioni dettagliate della testa.
  • Prima dell’esame è indispensabile rimuovere dal capo eventuali gioielli e/o altri oggetti metallici che possono interferire con le immagini TAC.
  • Il paziente viene fatto sdraiare su un lettino in posizione prona (a pancia sotto) o supina (a pancia in alto) a seconda del motivo dell’esame.
  • È fondamentale che durante l’esame il paziente rimanga immobile poiché anche un minimo movimento può compromettere la nitidezza delle immagini.
  • Può raramente capitare che il paziente trovi che l’apparecchio per la TAC claustrofobico; in questo caso il Medico esecutore potrebbe consigliare l’assunzione di un calmante per mantenere il paziente rilassato durante l’indagine.
  • Il lettino porta paziente scorre lentamente fino a far giungere la testa del paziente a livello dell’apparecchiatura ed al paziente può talvolta venire richiesto di trattenere il respiro per un breve lasso di tempo.
  • Il sistema di rilevazione della macchina ruota intorno alla testa del paziente al fine di ottenere una serie di immagini chiamate tecnicamente “fette” o “slice” che vengono immediatamente visualizzate sul  monitor collocato davanti all’operatore.
  • Le “slice” vengono archiviate ed elaborate per creare un’immagine tridimensionale della regione corporea esaminata.
  • Durante l’indagine il paziente è sempre in collegamento diretto con l’esecutore tramite microfoni ed altoparlanti.

Quanto dura la TAC alla Testa?

L’esame dura mediamente circa 15 minuti.

Se è previsto l’utilizzo del Mezzo di Contrasto può durare fino a 30 minuti circa.

TAC Cranio e bambini

La TAC del Cranio può essere eseguita se strettamente necessaria e per un giustificato motivo anche ad un neonato o ad un bambino.

Nell’evenienza potrebbe essere necessaria la somministrazione di un sedativo per mantenere il piccolo paziente calmo ed immobile per il tempo necessario all’espletamento dell’esame.

TAC del Cranio con mezzo di contrasto

Il Mezzo di Contrasto, somministrato per via endovenosa, aiuta ad evidenziare i vasi sanguigni.

Le immagini vengono acquisite prima senza mezzo di contrasto e dopo la somministrazione dello stesso.

L’uso del mezzo di contrasto non sempre è necessario e sarà il Medico Radiologo in relazione al quesito clinico a deciderne l’utilizzo.

TAC con Contrasto

Precauzioni

Tac cranio in Gravidanza

È indispensabile comunicare al Medico se è in corso una gravidanza o se anche solo vi è il sospetto della stessa, poiché ogni tipo di indagine radiografica è sconsigliata nelle donne incinte.

Somministrazione del Mezzo di Contrasto

Nel caso fosse indicata e prevista la somministrazione di un Mezzo di Contrasto il Medico prescrittore e quello esecutore raccoglieranno informazioni dal paziente prima dell’indagine per prevenire e/o trattare gli effetti collaterali che possono essere lievi reazioni allergiche che provocano prurito ed arrossamenti cutanei che di norma non sono durevoli e scompaiono da soli.

E’ importante comunque che il paziente avverta subito il medico qualora dovesse avvertire questi sintomi durante la somministrazione

Nei rarissimi casi di reazioni allergiche più gravi vengono immediatamente somministrati al paziente farmaci appropriati per il controllo dell’allergia.

Prezzo TAC del Cranio

Il prezzo del ticket sanitario per una TAC del Cranio può variare dai 40 agli 80 euro.

Una TAC del Cranio eseguita privatamente può costare mediamente 120 euro senza Mezzo di Contrasto e 150 euro con Mezzo di Contrasto.

Articolo a cura di:
TSRM Sergio Tonelli

TSRM Sergio Tonelli

Tecnico Sanitario di Radiologia Medica laureato presso lUniversità degli Studi di Brescia in "Tecniche di Radiologia Medica, Radioterapia, Medicina Nucleare". Si occupa della stesura e delle revisione scientifica dei contenuti presenti su Salut3.com. Approndisci su Linkedin

Articoli correlati