Fattore Reumatoide alto: cos’è, valori normali, cause, malattie, rimedi

Indice dei contenuti

Il sistema immunitario è un complesso meccanismo di difesa del nostro organismo, in grado di riconoscere minacce esterne e interne e di reagire di conseguenza. Una delle funzioni del sistema immunitario è la produzione di anticorpi, tra cui può rientrare anche il fattore reumatoide. Per capire come interpretare il fattore reumatoide alto bisogna innanzitutto definire di cosa si tratta, per vedere poi quali sono i valori di riferimento e quali possono essere le cause di questo aumento e i sintomi associati.

Cos’è il fattore reumatoide?

Il fattore reumatoide (FR) è una proteina che fa parte degli autoanticorpi e che rientra in particolare nella famiglia delle IgM. In realtà studi più recenti hanno dimostrato che la proteina della classe IgM è solo una tipologia di autoanticorpo e che sarebbe più corretto parlare di fattori reumatoidi: oltre al fattore reumatoide IgM classico, il nostro organismo può produrre anche proteine delle famiglie IgA e IgG.

Il fattore reumatoide è in grado di riconoscere e attaccare anticorpi della classe IgG, si può quindi parlare di una proteina anti-anticorpo. Il complesso anticorpo-antigene che si forma stimola la risposta del sistema immunitario e il rilascio di mediatori infiammatori, contribuendo alla generazione e al mantenimento di uno stato di flogosi. 

Fattore reumatoide: valori normali di riferimento

Dopo aver capito di cosa si tratta, possiamo ora definire i valori di riferimento del fattore reumatoide.

Si considera fisiologica una concentrazione ematica di 0 – 20 UI/ml, mentre valori più alti sono da indagare per valutare l’eventuale presenza di una patologia autoimmune che potrebbe favorire la produzione di questo autoanticorpo.

Fattore reumatoide alto, cosa significa?

Il riscontro del fattore reumatoide alto può essere ricondotto a cause diverse, è importante cercare di individuare il motivo alla base di questo aumento per stabilire il percorso diagnostico e terapeutico da seguire.

In tutti i casi, valori elevati di questa proteina sono segno di una risposta del sistema immunitario, attività che non sempre è favorevole alla risoluzione del quadro patologico, ma che talvolta può essere essa stessa alla base del perdurare e dell’aggravarsi della malattia.

Cause del fattore reumatoide alto?

Le cause del fattore reumatoide alto possono essere molteplici, alcune più specifiche e altre correlate a stati infettivi o infiammatori generali.

Vediamo in dettaglio l’artrite reumatoide e brevemente gli altri possibili motivi che possono portare a un incremento dei valori di questo autoanticorpo.

Fattore reumatoide alto e artrite reumatoide

L’artrite reumatoide (AR) è una delle principali cause di fattore reumatoide alto. In presenza di livelli aumentati di questa proteina e di segni e sintomi tipici della malattia si può procedere alla diagnosi di artrite reumatoide. Si può procedere alla diagnosi anche in presenza di segni e sintomi aspecifici, ma livelli elevati di autoanticorpo.

Va sottolineato però che non sempre il FR è aumentato nei pazienti con artrite reumatoide: in circa il 20% dei casi i valori di FR possono essere nel range di normalità, o addirittura prossimi allo zero. In questo caso il percorso diagnostico procede con il dosaggio degli anti-CPP (anticorpi anti peptide ciclico citrullinato), che consentono di fare diagnosi di AR nei pazienti con FR normale. 

Altre cause di aumento del fattore reumatoide

Oltre all’artrite reumatoide, ci sono numerose altre cause di aumento del fattore reumatoide, non sempre riconducibili a malattie di natura autoimmune.

Trattandosi di una proteina prodotta dalle difese del nostro organismo, l’aumento del suo valore si può avere in modo aspecifico in vari stati patologici che attivano il sistema immunitario. Vediamo di seguito un elenco delle principali cause da prendere in esame:

  • Sindrome di Sjogren
  • Sarcoidosi
  • Tubercolosi
  • HIV/AIDS
  • Mononucleosi
  • Mieloma multiplo
  • Patologie a carico di fegato, polmoni o reni
  • Lupus eritematoso sistemico
  • Endocardite
  • Sifilide
  • Leucemia
  • Infezioni parassitarie

Il FR può essere aumentato in maniera aspecifica in tutte le patologie elencate. Trattandosi di un aumento aspecifico è chiaro che il FR non viene usato come test per fare diagnosi di queste malattie o per seguire l’andamento clinico del paziente. Va ricordato infine che in una percentuale ridotta di pazienti (stimata intorno all’1%-5%) si può avere un aumento parafisiologico del FR, senza alcun significato clinico.

Sintomi del fattore reumatoide alto?

Non esistono specifici sintomi del fattore reumatoide alto, ma il quadro clinico del paziente è da ricondurre alla patologia che ha determinato l’aumento di questa proteina.

Dal momento che nella maggior parte dei casi l’aumento del FR è da ricondursi all’artrite reumatoide, si possono descrivere i segni e sintomi dell’artrite reumatoide:

  • Calore e rigonfiamento articolare
  • Dolore alle articolazioni
  • Riduzione della massa muscolare
  • Rigidità evidenziabile durante le prime ore del mattino
  • Deformazione progressiva delle articolazioni e conseguente riduzione funzionale
  • Gonfiore delle capsule articolari, accompagnato da riduzione della componente ossea e della componente cartilaginea
  • Noduli sottocutanei in prossimità delle articolazioni

Il quadro clinico del paziente con FR alto può variare se non è l’AR alla base dell’aumento, ma un’altra tra le patologie che sono state descritte in precedenza e che possono essere considerate fattori causali dell’innalzamento dell’autoanticorpo.

Fattore reumatoide alto, come si cura/abbassa?

Per abbassare il fattore reumatoide non si deve mettere in atto una terapia rivolta direttamente contro questo autoanticorpo, ma bisogna intervenire sulla patologia che ne causa l’innalzamento.

Dal momento che l’AR è una delle cause principali di fattore reumatoide alto, dopo aver fatto correttamente diagnosi si può proporre al paziente la terapia per l’artrite reumatoide, basata sull’impiego di diverse categorie farmacologiche: ai pazienti con AR si propongono farmaci sintomatici, farmaci modificanti il decorso della malattia e farmaci biologici. 

Se invece non è l’artrite reumatoide la causa dell’aumento dell’autoanticorpo bisogna intervenire sulla patologia causale per ottenere una riduzione del fattore reumatoide e un miglioramento del quadro clinico del paziente e del suo benessere soggettivo.

Fattore reumatoide alto e ves alta/bassa

La VES è uno dei marcatori di infiammazione e può risultare alterata in un gran numero di condizioni parafisiologiche o patologiche. Dal momento che il FR alto si osserva in patologie che determinano la comparsa di uno stato infiammatorio, è frequente il riscontro di fattore reumatoide alto e ves alta.

Per ulteriori dettagli si consiglia di leggere la nostra guida approfondita sulla VES alta, nella quale sono descritte le varie cause che possono portare a un aumento della velocità di eritrosedimentazione.

Articolo a cura di:
Dott. Salvatore Ruggiero

Dott. Salvatore Ruggiero

Medico laureato presso l’Università Federico II di Napoli in Medicina e Chirurgia specializzato presso lo stesso Ateneo in Idrologia Medica e Idroclimatologia. Si occupa della stesura e delle revisione scientifica dei contenuti presenti su Salut3.com .

Articoli correlati